Eventi

01 SETProgetto F@Mu 2016 - Famiglie al Museo

La Federazione Italiana dei Club e Centri per l'UNESCO (FICLU) ha dato il proprio Patrocinio gratuito alla manifestazione F@Mu 2016, progetto di valorizzazione dei musei italiani, pubblici e privati, che prevede il suo culmine durante un evento annuale, il 9 ottobre 2016, in cui tutti i musei aderenti potranno organizzare un’attività specifica per le famiglie con bambini di età prescolare o di scuola primaria. L'iniziativa è organizzata in collaborazione e con il patrocinio delle principali amministrazioni comunali. L’evento quest’anno ha ricevuto inoltre la medaglia del Presidente della Repubblica, il Patrocinio del MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attivita’ Culturali e del Turismo), dell’ICOM Italia (International Council of Museums), della FICLU e del Touring Club Italiano.

Il 4 ottobre 2016 a Firenze, alle ore 12.00, presso Palazzo Vecchio, Sala Ennio Macconisi terrà la Conferenza stampa di presentazione della manifestazione. La Presidente FICLU, Prof.ssa Maria Paola Azzario, presenterà il coinvolgimento della Federazione e dei Club nell’iniziativa segnalando i principali eventi e buone pratiche messe in atto dai Club e Centri per l’UNESCO.

Molti Club hanno coinvolto realtà museali nei loro territori che, per la prima volta, aderiscono all’iniziativa.

 

Informazioni ed elenco Musei aderenti sul sito Internet www.famigliealmuseo.it

14 LUGSummer School of Floriculture

Si segnala la VI edizione della Summer School of Floriculture, sul tema “Agricoltura di montagna: opportunità e sfide per il settore florovivaistico e delle piante officinali” che si terrà a Sanremo dal 5 al 9 settembre 2016, organizzata dalla SOI (Società di Ortoflorofrutticoltura Italiana) e dal Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) dell’Università degli Studi di Torino.

La Summer School prevede lezioni frontali tenute da esperti e un’uscita didattica a Monesi.

Interverrà, tra gli altri, la Presidente del Centro per l'UNESCO di Torino e della Federazione Italiana dei Club e Centri per l'UNESCO Maria Paola Azzario su "Il recupero delle infrastrutture esistenti: la Fabbrica nel Paesaggio". 

Info e Programma.

08 LUGIncontro di studio sull'Alberata di Via Romana a Bordighera

Si segnala l'evento di presentazione del progetto per la "Richiesta di classificazione dell'alberata della via Romana nei comuni di Bordighera e Vallecrosia di particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico e culturale" che avrà luogo venerdì 8 luglio 2016 alle ore 16.30 presso la Biblioteca civica internazionale di Bordighera in Via Romana 52. 

Intereverranno i Sindaci di Bordighera a Vallecrosia, il Prof.Marco Devecchi, Università di Torino, la Prof. Francesca Mazzino,  Università di Genova, Roberta Cento Croce, Presidente FAI Liguria, Gianclarlo Castello, botanico ed entomologo, Italo Muratore, Presidente dell'Osservatorio del Paesaggio Transfrontaliero. 

http://www.bordighera.net/bordighera-ripartire-dal-paesaggio-n59125

06 LUGTavola rotonda su "Sostenibilità ambientale e best practice delle aziende vitivinicole e dei vignaioli"

Si segnala l'Incontro di studio - Tavola rotonda su “Sostenibilità ambientale e best practice delle aziende vitivinicole e dei vignaioli” che si terrà sabato prossimo 9 luglio 2016 alle ore 17.00 presso la Chiesa dei Battuti di Neviglie (CN).

29 GIUAvvio del Progetto di Classificazione dell'Alberata della Via Romana di Bordighera e Vallecrosia

Venerdì 8 luglio 2016 alle ore 16,30 alla BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE di Bordighera, in Via Romana 52 si terrà la presentazione dell’avvio del Progetto di Classificazione dell'Alberata della Via Romana di Bordighera e Vallecrosia ai sensi dell’art. 7 della Legge 14 gennaio 2013, n. 10, che l'Osservatorio del Paesaggio Transfrontaliero  della Riviera Italo-Francese Rio Termini - Fiume Var curerà, d’intesa con le Amministrazioni delle due Città.

Dopo i saluti dei due Sindaci, Ferdinando Giordano per la Città di Vallecrosia e Giacomo Pallanca per la città di Bordighera, il tema sarà presentato dalla Professoressa Francesca Mazzino, dell’Università di Genova, e dal Professor Marco Devecchi, dell’Università di Torino, insieme al botanico ed entomologo Giancarlo Castello.

Roberta Cento Croce, Presidente del FAI Liguria, porterà il saluto della prestigiosa e benemerita Associazione.

UNESCO Network News

21 SET21 settembre Giornata Internazionale della Pace

Messaggio di Irina Bokova, Direttrice Generale dell’UNESCO 

Questi sono tempi difficili, per l’umanità, per il pianeta.

La povertà continua ad affliggere il nostro pianeta, e le disuguaglianze stanno diventando sempre più profonde. I conflitti continuano a lacerare le società, causando l’immensa sofferenza di milioni di uomini e donne. La violenza dell’estremismo è in crescita – barbari atti di terrore colpiscono comunità in ogni regione. Il mondo sta affrontando la più importante crisi migratoria e di rifugiati del nostro tempo, con 65,3 milioni di persone costrette a migrare nel 2015. Il patrimonio culturale dell’umanità e la diversità sono sotto attacco. Siti Patrimonio mondiale vengono distrutti per annientare il messaggio di tolleranza che essi rappresentano. Allo stesso tempo, il pianeta sta affrontando le pressioni crescenti causate dalle conseguenze del cambiamento climatico.

Tutto ciò mina i fondamenti della Pace, più di ogni altra cosa, e sottolinea l’importanza fondamentale dell’azione globale, guidata dai valori e dai principi delle Nazioni Unite.

Questo è lo spirito dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e dell’Accordo di Parigi sul Cambiamento Climatico, che definiscono un nuovo programma per la Pace – per i Diritti Umani e la dignità, per la giustizia e la prosperità, per la sostenibilità e la protezione del nostro pianeta.

Nell’Agenda 2030 si afferma che “non ci può essere sviluppo sostenibile senza Pace e non ci può essere Pace senza sviluppo sostenibile”. I 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile promuovono una nuova idea di costruzione della Pace, e l’UNESCO ha un ruolo chiave ad ogni livello, per rafforzare, secondo quanto affermato nell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n. 16, “società pacifiche, giuste ed inclusive” sulla base del buon governo, di istituzioni inclusive, di responsabilità e giustizia per tutti.

Per migliorare la situazione attuale, abbiamo bisogno di nuovi modi di agire a livello globale, di nuove partnership tra i Governi, la società civile e il settore privato, di nuovi modi di dare maggiore potere a donne e uomini.

Questo deve essere il nostro punto di partenza – i diritti degli individui e la dignità di ogni donna e uomo. L’Atto Costitutivo dell’UNESCO afferma che le difese della Pace devono essere costruite nelle menti delle donne e degli uomini – attraverso l’educazione, la libertà di espressione, il dialogo interculturale, il rispetto dei Diritti Umani e della diversità culturale, e la cooperazione scientifica. Redatto nel 1945 dopo una guerra terribile e devastante, il suo messaggio è cruciale nelle attuali società in continua trasformazione e mutamento.

Mantenere la Pace significa costruirla ogni giorno, in ogni società, con ogni donna e ogni uomo. Significa vivere insieme, e lavorare verso un futuro migliore, comune per tutti.

(traduzione a cura del Centro per l’UNESCO di Torino)

12 SET10° incontro annuale del Network delle Città Creative UNESCO

La città svedese di Östersund, nominata nel 2010 Città Creativa UNESCO per la Gastronomia, ospiterà oltre 250 rappresentanti delle 116 città appartenenti al Network nel 10° Incontro Annuale delle Città Creative UNESCO dal 14 al 16 settembre 2016.

Gli obiettivi dell’Incontro Annuale sono definire le attività del Network, sostenere le politiche urbane a favore della cultura e della creatività e promuovere partenariati tra i membri. In linea con l’Iniziativa per lo Sviluppo Urbano Culturale e Sostenibile dell’UNESCO e l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, l’incontro costituirà l’opportunità di affermare il ruolo del Network nel favorire lo sviluppo sostenibile in ambienti urbani. I successi nelle politiche culturali urbane delle Città Creative saranno presentati in varie sessioni e workshop tematici durante l’incontro.

Inoltre, dall’11 al 14 settembre, presso la Mid Sweden University (MIUN) si terrà una conferenza dal titolo “Valorizzare e Valutare la Creatività per uno Sviluppo Regionale Sostenibile” che esaminerà le modalità di massimizzazione del potenziale costituito da connessioni tra ambito urbano e rura

Link al sito dell'UNESCO.

08 SET8 settembre Giornata Mondiale dell'Alfabetizzazione

“Leggere il passato, scrivere il futuro”

Oggi 8 Settembre ricorre la Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione, indetta dall’UNESCO nel 1966.

Negli ultimi 50 anni, l’alfabetizzazione ha rappresentato una delle più importanti sfide che la comunità internazionale ha dovuto affrontare. Anche nei prossimi anni, l’impegno per il raggiungimento di una sempre più diffusa alfabetizzazione non cesserà; con l’Agenda sull’Alfabetizzazione per il 2030, infatti, sono stati fissati alcuni ambiziosi obiettivi: “raggiungere una inclusiva ed equa qualità dell’educazione e promuovere”, in particolare, il cosiddetto “educazione permanente”.

Riconosciute come “base per costruire un futuro sostenibile per tutti”, l’educazione e l’alfabetizzazione sono l’unica via percorribile affinché le persone possano esprimere il loro talento e raggiungere i loro obiettivi.

Per questo motivo, L’UNESCO ha preparato una serie di iniziative per celebrare questa giornata: l’8 e il 9 Settembre, presso la sede di Parigi, si terrà un ciclo di conferenze sul tema, con l’intervento di numerosi esperti in vari settori e, nelle stesse giornate, avverrà la consegna del Premio Internazionale per l’Alfabetizzazione: con questo riconoscimento vengono così premiati gli sforzi di quelle persone che abbiano raggiunto risultati considerevoli nel campo dell’educazione.

Qui di seguito il messaggio diffuso dalla Direttrice Generale dell'UNESCO, Irina Bokova, in occasione della Giornata.

“Il mondo è cambiato dal 1966 – ma la nostra determinazione a garantire ad ogni donna e uomo con talento possibilità ed opportunità per diventare qualunque cosa desiderino, con dignità e rispetto, resta forte come sempre. L’educazione rappresenta la base per costruire un futuro sostenibile per tutti”

Quest’anno ricorre il 50esimo anniversario del Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione che l’UNESCO festeggerà con il titolo “Leggere il passato, scrivere il futuro”. La Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione 2016 celebra e rende omaggio all’impegno, nazionale ed internazionale, che, durante le ultime cinque decadi, ha permesso di ottenere progressi e successi nell’aumentare il livello di alfabetizzazione in tutto il mondo. È anche necessario dedicarsi alle sfide odierne, cercando soluzioni innovative per il futuro progresso in questo campo.

50 anni fa, l’UNESCO ha dichiarato ufficialmente l’8 Settembre come Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione per mobilitare attivamente la comunità internazionale e promuovere l’alfabetizzazione come strumento per rendere più forti gli individui, le comunità e la società nel suo insieme.

Ora la Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione è celebrata in tutto il mondo, unendo governi, organizzazioni internazionali, ONGs, privati, comunità, insegnanti, osservatori ed esperti in ogni campo. In questa giornata viene anche consegnato il Premio Internazionale per l’Alfabetizzazione a persone che abbiano scoperto soluzioni utili a raggiungere gli obiettivi dell’Agenda sull’Educazione per il 2030. Quest’anno il tema è l’innovazione.

Questo è il primo anno in cui si perseguono gli obiettivi contenuti nell’Agenda sullo Sviluppo Sostenibile per il 2030. In questo contesto, l’alfabetizzazione è legata alle opportunità dell’apprendimento permanente, in particolare nei giovani e negli adulti. L’alfabetizzazione è parte integrante dell’Obiettivo 4 presente nell’Agenda sullo Sviluppo Sostenibile, che si propone di “raggiungere una qualità dell’educazione inclusiva ed equa e promuovere l’educazione permanente”. L’obiettivo per il 2030 è quindi quello di ottenere un’omogenea presenza di adulti, uomini e donne, capaci di leggere e contare (Obiettivo SDG 4.6).

La Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione sarà celebrata in tutto il mondo. La manifestazione più importante si terrà presso la casa-madre UNESCO di Parigi, dove si svolgerà una Conferenza di due giorni (8 e 9 settembre), che culminerà nella consegna del Premio per l’Alfabetizzazione. Contemporaneamente, nascerà l’Alleanza Globale per l’Alfabetizzazione (Global Alliance of Literacy, GAL), una nuova ed ambiziosa iniziativa per unire tutti i principali attori nel campo dell’alfabetizzazione, per promuovere l’istruzione e l’educazione permanente.

 

 Traduzione a cura del Centro per l'UNESCO di Torino

28 GIURiunione del Comitato per il Patrimonio Mondiale

 

Dal 10 al 20 luglio a Istanbul si terrà la 40° sessione del Comitato per il Patrimonio Mondiale UNESCO, che esaminerà le proposte di inserimento nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO di 29 siti.

Il Comitato esaminerà la proposta di inserimento di 9 siti naturali, 16 culturali e 4 siti misti, cioè siti che sono “di eccezionale valore” sia per le loro caratteristiche naturali che culturali. Si esaminerà inoltre lo stato di conservazione di 108 siti già Patrimonio Mondiale e di 48 siti in pericolo, inseriti nella “Danger List”. 

Dal 29 giugno all'11 luglio Istanbul ospiterà inoltre un Forum dei Giovani sul tema del Patrimonio Mondiale. Giovani provenienti da tutto il mondo, impegnati nella tutela del Patrimonio, adotteranno una dichiarazione che sarà presentata al Comitato durante la sessione di apertura dei lavori. 

20 GIUGiornata Mondiale del Rifugiato

 

Oggi 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato.

La Giornata fu istituta dalle Nazioni Unite nel 2001, per commemorare il 50° anniversario della Convenzione sui profughi (Convention Related to the Status of Refugees), approvata il 20 giugno 1951.

"I rifugiati hanno dei diritti, a partire da quello all'educazione. Solo il 50% dei bambini rifugiati frequenta la scuola primaria e solo il 25% la scuola secondaria. Le ragazze sono le più colpite da questa tendenza, che rafforza la loro marginalizzazione e vulnerabilità. Non si può costruire la Pace su questa esclusione. Non stiamo investendo abbastanza nell'unica risposta che può portare speranza e opportunità: l'educazione. Semplicemente essendo a scuola, i bambini sono più protetti dal traffico di esseri umani, da adozioni illegali, matrimoni precoci, sfruttamento sessuale e lavoro forzato. Riacquistano un nuovo senso di appartenenza, di stabilità". Dal messaggio della Direttrice Generale dell'UNESCO, Irina Bokova. 

‪#‎WithRefugees 

Ricerca nell'Archivio Tesi di Laurea









Cerca

Novità

In ricordo di Shimon Peres

La Direttrice Generale dell’UNESCO, Irina Bokova, rende omaggio a Shimon Peres, nono Presidente di Israele, “grande uomo di Stato, grande umanista e figura mondiale della Pace”.


Shimon Peres lascia un segno indelebile sulla storia del Medio Oriente e, oggi, il suo messaggio è più attuale che mai per trovare il cammino della Pace, nel rispetto reciproco. Artefice della fondazione dello Stato di Israle, è rimasto fino all’ultimo un creatore, un innovatore che sapeva infondere speranza ed energia e che cercava sempre nuove vie per promuovere il dialogo e la cooperazione, in particolare attraverso la scienza, di cui era appassionato.


Nel marzo 2016 durante la sua visita all’UNESCO, aveva tenuto una lezione di vita:


«Fate il bilancio di ciò che avete realizzato e del numero di sogni che avete in testa.

Continuate a sognare e resterete giovani. Abbiate il coraggio di sognare in grande»

 

Rimarrà un’immensa fonte di ispirazione ed è con profonda tristezza che rivolgo le mie più sentite condoglianze ai suoi cari e al popolo di Israele”.

 

Shimon Peres ha ricevuto il Premio UNESCO Felix Houphouet-Boigny, con Yitzhak Rabin e Yasser Arafat, per il suo contributo alla Pace in Medio Oriente un anno prima di essere insignito del Premio Nobel per la Pace, nel 1994. Nel 1996 Peres inaugurò la Piazza della Tolleranza, presso la sede dell’UNESCO, in memoria del Primo ministro Yitzhak Rabin, ucciso a Tel Aviv nel 1995.

Grande amico dell’UNESCO e convinto della forza del multilateralismo, aveva guidato la firma dei recenti accordi tra l’UNESCO e il Centro Peres per la Pace.

 

 

 

 

La Presidente Maria Paola Azzario ha avuto l'onore di incontrare Shimon Peres durante il Forum Internazionale delle Donne organizzato a Gerusalemme e Tel Aviv dal Centro Golda Meir nel 2012. Il Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo ha sempre lavorato per il dialogo tra Israele e Palestina come testimonia l'incontro a Torino nel 2008 tra rappresentanti dell'UNESCO (Saniye Gulser Corat, Direttrice della Divisione per la Parità di Genere), di Palestina e di Israele (v. esiti nel catalogo pubblicazioni del Centro per l'UNESCO di Torino).

 

 

 

 

Premiazione Bando Un Calcio al Razzismo 2015

27 settembre 2016

Si è svolta ieri, 27 settembre 2016, alle ore 17.30 presso la Sala Stampa dello Juventus Center di Vinovo la cerimonia ufficiale di Premiazione del Bando Un Calcio al Razzismo 2015. 

E' stato premiato il Centro Studi Sereno Regis, per il progetto "Non Bull-ARTi di me 2.0", progetto per la realizzazione di attività educative contro il razzismo e contro l'incitamento dell'odio on-line.  


Nello specifico il progetto ha realizzato, nell'Istituto Superiore Sella-Aalto-Lagrange: laboratori artistici, percorsi di sensibilizzazione sul tema del bullismo e cyberbullismo, un canale youtube del progetto, una redazione social sul progetto, spazi di ascolto e mediazione. 

Cliccando qui di seguito potrete vedere due filmati realizzati dai ragazzi dell'Istituto Sella-Aalto-Lagrange: 

Uguali e diversi  e Divise da una panchina

 

L'evento è stato inoltre occasione per salutare i bambini, nati nel 2006, e le loro famiglie, che hanno concluso l’esperienza nel progetto “Gioca con me”, altro progetto che il Centro per l’UNESCO di Torino porta avanti insieme a Juventus e che prevede l’inserimento gratuito nelle scuole calcio della Juventus, per tre anni, di bimbi che per motivi economici e sociali non possono sostenere il costo dell’iscrizione ad un’attività sportiva. 

 

Il Bando Un Calcio la Razzismo è stato rinnovato anche per l'anno 2016 - 2017 V. dettagli

 

Percorso Formativo Migrazione e accoglienza. Pensare a livello globale per agire a livello locale

ADESIONI ENTRO IL 13 OTTOBRE

 

Diamo notizia della pubblicazione, da parte del Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, alla pagina http://www.istruzionepiemonte.it/?p=25179  del Percorso Formativo “Migrazione e accoglienza. Pensare a livello globale per agire a livello locale".

 

 

 

Vi ricordiamo che è possibile aderire al Percorso Formativo tramite apposito modulo di adesione da restituire al Centro per l’UNESCO entro il 13 OTTOBRE 2016.

V. percorso formativo e modulo adesione.

 

 

 

LA VOCE AI GIOVANI 19 settembre ore 11

Presentazione di tesi di laurea

Lunedì 19 Settembre si è svolto il terzo appuntamento dell’edizione 2016 de “La voce ai giovani”, con la presentazione delle tesi di laurea su Torino e il Piemonte.

Nella sede dell’Istituto Europeo di Design sono state presentate le due tesi a tema “Interior Design”, un omaggio alla città di Torino, nominata dall’UNESCO “Creative City of Design”.

I neo-laureati Simone Lo Licco, Elisa Pozzi e Poonam Zaninetti hanno presentato il progetto “UAO – Unità di Autoproduzione Orticola”, che prevede la riqualificazione di un Castello nella località di Fiano e la realizzazione di una coltura agricola basata su autoproduzione e rispetto dell’ambiente.

Il secondo progetto, presentato da Giulia Alvarez Ledesma e Laura Viora ed intitolato “Gus.TO Fine Dining and Resort”, prevede la restaurazione di una villa e la sua trasformazione in un ristorante che, attraverso la coltivazione auto-gestita, vuole valorizzare i gusti della cucina tipica e della cultura tradizionale.

La presentazione delle tesi è stata anche un’occasione per discutere e riflettere sui temi della sostenibilità ambientale e dell’importanza di questi progetti nell’ottica di una più grande attività di promozione del territorio e delle sue ricchezze. 

Sono intervenuti il vice-presidente del Centro per l’UNESCO di Torino Giovanni Chiesa e i relatori e correlatori delle tesi: la Prof.ssa Sabina Bandiziol, la Prof.ssa Alessandra Chiti e il Prof. Luigi Ferrando.

  

Vi aspettiamo al prossimo incontro, fissato per il 17 Ottobre per la presentazione di un progetto a cura di Marina Maiorano sulla riqualificazione degli oliveti di Casarano come forma di tutela e protezione dei paesaggi mediterranei storici.

Tutti gli incontri sono aperti al pubblico e gratuiti.

 

Clicca qui per scaricare il Dépliant

Per informazioni e iscrizioni

Centro per l'UNESCO di Torino info@centrounesco.to.it segreteria@centrounesco.to.it 011 6936425

 

L'iniziativa è realizzata con il contributo di Regione Piemonte e la collaborazione di Università di Torino, Politecnico di Torino, Istituto Europeo di Design

 

Riunione Consiglio Direttivo Federazione Europea dei Club, Centri e Associazioni UNESCO

Belgrado, 17-19 settembre 2016

Si è svolta a Belgrado (Serbia) la riunione del Consiglio Direttivo della Federazione Europea dei Club, Centri e Associazioni UNESCO. Erano presenti la Presidente Daniela Popescu (Romania), la Vice Presidente Maria Paola Azzario (Italia), la Vice Presidente Silvia Martinez Canton (Spagna), il Vice Presidente Dzmitry Subtselny (Bielorussia), la Segretaria Esecutiva Marina Christophides (Cipro), la Tesoriera Yulia Averina (Russia), il membro ex officio Ioannis Maronitis (Grecia), il Revisore dei Conti Adeline Popescu (Romania) e i Consiglieri Milica Dromnjakovic (Serbia) e Jorge Oliveira (Portogallo).

 

Alla presenza di rappresentanti di Ministeri e dei Club per l'UNESCO serbi, il Consiglio Direttivo EFUCA ha presentato le principali attività svolte e i programmi futuri.

 

 

La riunione del Consiglio Direttivo EFUCA si è svolta, in più sedute, in un clima di amichevole collaborazione, grazie all'ospitalità e alla perfetta organizzazione della Federazione ospitante.

Ogni membro ha presentato le principali attività e i progetti della propria Federazione, in seguito si sono approfondite le relazioni EFUCA - WFUCA (Federazione Mondiale dei Club, Centri e Associazioni UNESCO) e EFUCA - UNESCO.

 

 

 

 

Prossimo appuntamento: Assemblea Generale EFUCA, Minsk (Bielorussia), 11-13 novembre 2016. Durante l'Assemblea si svolgeranno le elezioni per il nuovo Consiglio Direttivo 2016-2020.

 


 

Corso di aggiornamento per guide turistiche

I siti UNESCO in Piemonte

 

Il Centro per l'UNESCO di Torino ha organizzato, in collaborazione con CESCOT Piemonte, un corso di aggiornamento per guide turistiche dal titolo "I siti UNESCO in Piemonte".

Il corso, della durata complessiva di 20 ore, prevede 3 incontri teorici presso la sede di Confesercenti e due visite guidate (una nelle Langhe, Roero e Monferrato; l'altra al Sacro Monte di Crea).

 

 

 

 

Articolazione del corso:

Data

Orario

Sede

Argomento

Docente

 

lun.12/09/2016  

9.00/13.00

Confesercenti

UNESCO: valori e obiettivi

Siti UNESCO in Piemonte

Prof. Maria Paola Azzario

Arch. Maria Sole Patriarca

 

 

 

 

 

mar.13/09/2016

9.30/17.30

Langhe/Monferrato

I Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato

Prof. Maria Paola Azzario

Arch. Maria Sole Patriarca

 

 

 

 

 

lun.19/09/2016

9.00/12.00

Confesercenti

Residenze Reali

Arch. Maria Sole Patriarca

 

 

 

 

 

lun.26/09/2016

9.30/12.30

Crea

I Sacri Monti

Arch. Maria Sole Patriarca

 

 

 

 

 

mar.27/09/2016

9.00/12.00

Confesercenti

Follow up

Prof. Maria Paola Azzario

Arch. Maria Sole Patriarca

 

Il corso permetterà alle guide turistiche iscritte di approfondire la conoscenza degli ideali e dell'attività dell'UNESCO nell'ambito della valorizzazione e tutela del Patrimonio, dell'iter per la candidatura di un sito a Patrimonio Mondiale dell'Umanità e degli aspetti storici, paesaggistici e culturali dei siti UNESCO in Piemonte (con un particolare focus sul 50° sito italiano "I Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato" e sul Sacro Monte di Crea).

Un'immagine della visita del 19 settembre, realizzata grazie alla preziosa collaborazione dei Club per l'UNESCO di Canelli, La Morra e Vignale Monferrato:

 

Percorso Formativo 2016/2017

Migrazione e Accoglienza. Pensare a livello globale per agire a livello locale

Il 2016 è stato proclamato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale per la Comprensione Globale (International Year of Global Understanding - IYGU) e intende porre l’attenzione sulle ripercussioni delle azioni locali a livello globale: “pensare” a livello globale per agire a livello locale, potrà portare ad una vera comprensione del mondo attuale.

È sempre più urgente costruire progetti educativi innovativi in un mondo sempre più globalizzato. È imprescindibile conoscere le persone e i popoli che incrociano le nostre vite attraverso la conoscenza delle arti, delle lingue, delle culture e della storia dei diversi Paesi.

“L’Anno Internazionale della Comprensione Globale mira a produrre conoscenze profonde, ma pratiche, sulle modalità in cui le persone possono riuscire a vivere insieme in modo più sostenibile. La prerogativa sarà quella di sviluppare strategie per progetti locali mirati, di portata globale […] la comprensione globale contribuisce a ridurre il rischio di conflitti regionali e aiuta il progresso della pace su scala locale, nazionale e globale” (UNESCO-192 EX/39-Proclamation of 2016 as International Year of Global Understanding).

L’urgenza di comprensione e collaborazione internazionale è accentuata dal fenomeno della migrazione, che genera un dibattito acceso nell’opinione pubblica, pone sfide ai policy makers e coinvolge enti e associazioni nella sensibilizzazione e nella ricerca di soluzioni alle criticità.

Ciò si congiunge perfettamente con i nuovi 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2015-2030 (Sustainable Development Goals – SDGs) delle Nazioni Unite, presentati dall’Assemblea Generale nel settembre 2015.

 

Per l’UNESCO l’attenzione è posta in particolare su:

·      Obiettivo n°4 fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva e opportunità di apprendimento per tutti,

·      Obiettivo n°5 Realizzare la parità di genere e migliorare le condizioni di vita delle donne,

·      Obiettivo n°10 Ridurre le disuguaglianze tra i Paesi,

·      Obiettivo n°11 Rendere le città e le comunità sicure, inclusive, resistenti e sostenibili,

·      Obiettivo n°16 Promuovere società giuste, pacifiche e inclusive

 

L’Anno Internazionale per la Comprensione Globale si inserisce a sua volta all’interno del Decennio Internazionale UNESCO per l’Avvicinamento delle Culture 2013-2022, che ci ricorda che per una cultura di pace è necessario: 

  • promuovere la comprensione e la conoscenza reciproca delle diversità culturali, etniche, storiche, linguistiche e religiose;
  • costruire un contesto pluralista basato su valori condivisi;
  • diffondere principi e strumenti per un dialogo interculturale, attraverso l'educazione di qualità e i mezzi di comunicazione;
  • favorire il dialogo per il raggiungimento dello Sviluppo Sostenibile in tutte le sue dimensioni: etiche, sociali e culturali.

 

Da queste considerazioni nasce il Percorso Formativo del Centro per l’UNESCO di Torino dal titolo:

“Migrazione e Accoglienza. Pensare a livello globale per agire a livello locale”

 

 

Obiettivi generali

-       contribuire alle azioni dell’UNESCO per l’Anno Internazionale della Comprensione Globale e per il Decennio Internazionale UNESCO per l’Avvicinamento delle Culture;

-       contribuire alla realizzazione dei nuovi 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2015-2030.

-       far conoscere le azioni intraprese a livello locale, nazionale e internazionale da enti e governi a favore del dialogo, della comprensione e della cooperazione tra popoli, culture e religioni.

 

Obiettivi specifici

-       sensibilizzare i giovani al tema della migrazione e, di conseguenza, della necessità di una “comprensione globale”;

-       promuovere il dialogo interculturale e interreligioso, la comprensione ed il rispetto “dell’altro” e la parità di genere,  per il raggiungimento dello Sviluppo Sostenibile, in tutti i suoi aspetti;

-       promuovere la ricerca e l’utilizzo consapevole delle informazioni fornite dai media sulla “percezione dell’altro”;

-       incentivare azioni concrete a favore dell’integrazione e della coesistenza di diverse culture.

 

Pertanto il presente Progetto Formativo si articola in 3 filoni:

  • Migrazione: storia e situazione attuale;
  • Social media: loro potenzialità e modalità d’uso nelle diverse situazioni;
  • Rispetto della persona e dei Diritti Umani.

 

Il presente progetto sarà realizzato con la collaborazione dell’Assessorato all’Istruzione della Regione Piemonte e dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, enti con i quali il Centro per l’UNESCO ha attivato, da anni, una Convenzione che ha permesso di realizzare azioni significative per e con le scuole di ogni ordine e grado del territorio piemontese, sviluppando una  proficua collaborazione ed ottimi risultati, testimoniati in pubblicazioni annuali, diffuse sul territorio nazionale e presso l’UNESCO.

 

Destinatari

Istituti Scolastici della Regione Piemonte: Scuole Primarie, Scuole Secondarie di I grado, Scuole Secondarie di II grado.

 

Attività previste e cronoprogramma

 

  • 7 novembre 2016 Giornata inaugurale 

In occasione della Giornata inaugurale del Percorso Formativo sarà presentata la Mostra fotografica “Migrazione, perché?” (fotografie di Michele Pero) e saranno proposti approfondimenti, spunti di riflessione, testimonianze sui temi oggetto del Percorso Formativo. 

  • Da novembre 2016 a febbraio 2017: quattro incontri formativi, presso il Centro per l’UNESCO di Torino, per insegnanti e genitori delle classi aderenti all’iniziativa.

Durante gli incontri saranno approfonditi, grazie ad esperti del settore, i temi oggetto del Percorso Formativo.

Lunedì 28 novembre 2016

Lunedì 19 dicembre 2016

Lunedì 16 gennaio 2017

Lunedì 13 febbraio 2017

Tutti gli incontri si svolgeranno dalle ore 15 alle ore 18, presso la sede del Centro per l’UNESCO di Torino, sita nel Campus ONU.

  • Da febbraio ad aprile 2017: lavori nelle classi

Gli insegnanti formeranno gruppi di lavoro di classe o di interclasse per realizzare lavori (relazioni, ricerche, disegni, interviste, power point, video ecc.) sui temi proposti. Tali lavori saranno poi presentati a tutti i partecipanti al Percorso, durante la Giornata conclusiva. 

  • 8 Maggio 2017: Giornata Conclusiva di presentazione e valutazione dei risultati del Percorso Formativo da parte di esperti, con la partecipazione degli studenti ed insegnanti.

 

Presentazione dei risultati

Si richiede alle scuole di presentare una relazione finale/diario di viaggio che contenga:

  • la composizione del gruppo di lavoro, compresi i nominativi degli insegnanti responsabili
  • una breve descrizione dell’oggetto dei lavori svolti
  • le principali riflessioni del gruppo di lavoro in merito a quanto avranno imparato
  • fotografie (formato jpeg o tiff) video, disegni, altri documenti 

Eventuali cartelloni saranno esposti in occasione della Giornata Conclusiva.

Gli elaborati delle classi dovranno essere consegnati al Centro per l’UNESCO di Torino, in forma cartacea o informatica (CD o DVD), entro e non oltre il 13 aprile 2017. 

 

Pubblicizzazione e comunicazione

Il Centro per l’UNESCO curerà la comunicazione e la pubblicizzazione delle differenti attività secondo le seguenti modalità:

·      aggiornerà i partecipanti e gli interessati sugli sviluppi delle attività e diffonderà i materiali utili per il lavoro di studenti ed insegnanti nelle scuole su pagine dedicate all'iniziativa nel sito www.centrounesco.to.it

·      pubblicherà, nelle propria Collana Ricerca e Didattica e sul proprio sito web: i contenuti delle Giornate di inizio e di valutazione, del Corso di formazione ed i lavori delle scuole.

 

ISCRIZIONI: l’iscrizione all’iniziativa dovrà pervenire al Centro per l’UNESCO di Torino, entro il 13 ottobre 2016 tramite l’apposito modulo qui allegato o scaricabile dal sito www.centrounesco.to.it, da restituire via fax al numero 011.6936425 o via email all’indirizzo info@centrounesco.to.it