Eventi

27 MAGConvegno Vivere il Paesaggio

Si segnala il Convegno “Vivere il paesaggio”, organizzato dall’Associazione Amici del roseto della Sorpresa che si terrà Domenica 29 maggio 2016 a partire dalle ore 9,30 presso il Castello del Comune di Castell’Alfero (AT). Il Convegno rappresenta un momento di riflessione sul paesaggio e sulle nuove modalità di rapporto sia con il patrimonio storico-culturale dei luoghi, sia con le rivisitazioni da parte dell’arte contemporanea.

 
Nel pomeriggio a partire dalle ore 15,30 è possibile la VISITA al Roseto della Sorpresa e alle sue Collezioni di rose botaniche e antiche.

 

Programma completo della Giornata.

19 MAG21-22 maggio Ad Oriente di Torino

L'Estremo Oriente fra curiosità e cultura, fra filosofia e movimento, fra mente e corpo.

“Ad Oriente di Torino” si svolgerà il 21 e 22 maggio presso Cascina Roccafranca in via Rubino 45, organizzato da Sportidea Caleidos, con il patrocinio del Comune di Torino e della Città Metropolitana di Torino in collaborazione con Cascina Roccafranca, Associazione Italiana Insegnanti di Geografia, A.S.D. Accademia Italiana Shen Qi Kwoon Tai di Vercelli, Associazione interculturale Italia - Giappone Sakura, Scuola Zen Mizu-no-Oto.

Docenti, architetti, medici, scrittori, maestri di discipline orientali ed arti marziali, artisti e artigiani e viaggiatori appassionati presenteranno gli aspetti più interessanti di una cultura che da secoli ci affascina.

Sarà possibile partecipare a: laboratori gratuiti, hobby e giochi, esibizioni e spettacoli, presentazioni e conferenze, lezioni aperte, stage e laboratori a pagamento.
Saranno inoltre presenti: mostre e stand, servizio di ristorazione.

Sabato 21 maggio, alle ore 16:45, la Presidente del Centro per l'UNESCO di Torino, Maria Paola Azzario, presenterà la "Guida al Patrimonio UNESCO dell'Umanità di Italia e Cina", esempio concreto di avvicinamento di due popoli dalla cultura millenaria.

 

CLICCA QUI per consultare l'intero programma della manifestazione.

13 MAGSalone del Libro - Incontro con Rita El Khayat

Si è tenuto sabato 14 maggio, ore 12-13, presso il Salone Internazionale del Libro di Torino (Arena Piemonte) l'incontro con Rita El Khayat.


Sono intervenute:

Stefania Batzella, presidente Consulta delle Elette del Piemonte

Maria Paola Azzario Chiesa, presidente Federazione Italiana dei Club e Centri per l’UNESCO (FICLU) e presidente Forum Internazionale Donne del Mediterraneo

Antonella Perlino, operatore culturale internazionale, interprete e traduttore per la Pace

Ha moderato Emmanuela Banfo, giornalista

 Rita El Khayat è considerata una della più importanti intellettuali del Marocco e del Maghreb: scrittrice, etno-psichiatra, psicanalista, antropologa è autrice di una quarantina di opere oltre che sulla psichiatria più in generale sulla condizione esistenziale delle donne nel mondo arabo. Candidata per ben due volte al Premio Nobel per la Pace detiene molti primati nel suo Paese: prima donna psichiatra, prima donna medico del lavoro prima voce femminile e produttore presso l’emittente televisiva marocchina ed il centro cinematografico marocchino. Le è stata conferita nel 2006 la cittadinanza onoraria italiana.

 Ricorrendo quest’anno nel nostro Paese il 70° anniversario del voto alle donne, la Consulta delle Elette del Piemonte ha ritenuto utile offrire ai spunti di riflessione sull’evoluzione che il ruolo della donna ha avuto negli ultimi anni, per porre in evidenza le difficoltà legate ai luoghi e alle società del mondo dove ancora i diritti non sono pienamente affermati e per ribadire soprattutto che il lungo e faticoso percorso di emancipazione che si è dovuto affrontare non può oggi dirsi del tutto concluso.

02 MAGConvegno Libertà di stampa e libertà di pensiero

Il Centro per l'UNESCO di Torino celebra la Giornata Mondiale per la Libertà di Stampa partecipando, il 2 maggio, al Convegno "Libertà di stampa e libertà di pensiero. Informazioni e idee oltre ogni frontiera", organizzato dal Consiglio Regionale del Piemonte. La Presidente del Centro per l'UNESCO, Maria Paola Azzario, terrà un intervento introduttivo ricordando l'impegno dell'UNESCO in favore della libertà di stampa e di espressione.

La Giornata Mondiale per la Libertà di Stampa, che si celebra ogni anno il 3 maggio, rappresenta l'occasione per monitorare la libertà di stampa nel mondo, per difendere i media dagli attacchi alla loro indipendenza e per rendere omaggio a quei giornalisti che hanno perso la vita nell'esercizio della loro professione.

Questa Giornata serve ad informare i cittadini delle violazioni della libertà di stampa, ci ricorda che in dozzine di Paesi nel mondo, le pubblicazioni sono censurate, sanzionate e sospese, mentre i giornalisti e gli editori sono perseguitati, attaccati, detenuti e, talvolta, uccisi. E' una ricorrenza che promuove lo sviluppo di iniziative a favore della libertà di stampa e l'esame dello stato attuale di libertà di stampa nel mondo.

Qui di seguito il messaggio della Direttrice Generale dell'UNESCO Irina Bokova (traduzione in italiano a cura del Centro per l'UNESCO di Torino):

Accesso all’Informazione e alle Libertà Fondamentali – E’ un tuo Diritto!

L’accesso all’informazione è una libertà fondamentale e parte integrante del basilare diritto umano alla libertà di espressione. La ricezione e la trasmissione delle informazioni, sia offline sia online, sono le pietre miliari della democrazia, di una buona governance, e dello stato di diritto.

Lo scorso anno, è stata adottata l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile che guiderà per i prossimi quindici anni gli impegni comuni per porre fine alla povertà, proteggere il pianeta e assicurare prosperità e una pace duratura per tutti. Tra i nuovi Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile vi sono anche il pubblico accesso all’informazione e la protezione delle libertà fondamentali – due obiettivi correlati che sono propulsori di progresso all’interno della nuova Agenda.

La necessità per un’informazione di qualità non è mai stata così importante, in quest’epoca difficile e di cambiamenti nel mondo, con nuove sfide che richiedono la cooperazione e l’azione a livello globale. Ciò esige un contesto solido costituito dalla libertà di stampa e da sistemi ben funzionanti per garantire il diritto delle persone all’informazione. 

Duecento cinquanta anni fa, la prima legislazione ufficiale sul Diritto all’Informazione fu promulgata nelle odierne Svezia e Finlandia. Una svolta storica per l’epoca che suscita ispirazione ancora oggi, poiché i governi adottano sempre di più leggi che permettono l’accesso pubblico all’informazione. Venticinque anni fa, nella neo-indipendente Namibia, fu adottata la storica Dichiarazione di Windhoek sulla Libertà di Stampa, che ha aperto la strada al riconoscimento da parte delle Nazioni Unite della Giornata Mondiale per la Libertà di Stampa.

Nel ricordare questi anniversari, quest’anno la Giornata Mondiale per la Libertà di Stampa sottolinea l’importanza del giornalismo libero e indipendente per promuovere l’Agenda 2030. Ciò include la sicurezza dei giornalisti, in un tempo in cui, tragicamente, un professionista dei media è ucciso ogni cinque giorni. Questo non è tollerabile, perciò l’UNESCO, sulla base del Piano d’Azione delle Nazioni Unite sulla Sicurezza dei Giornalisti e la Questione dell’Impunità, sta lavorando con le istituzioni di tutto il mondo al fine di creare un ambiente libero e sicuro per i giornalisti e gli operatori del settore ovunque.

In questo spirito, rivolgo un appello a tutti affinché si rimanga uniti nella difesa e nella promozione della libertà di stampa e del diritto all’informazione. Questo è fondamentale per i diritti e la dignità umana, per le nostre aspirazioni allo sviluppo sostenibile, per la determinazione comune a costruire una pace duratura. 

E’ un tuo Diritto!

 

 

21 APRPresentazione della Richiesta di Dichiarazione di notevole interesse pubblico del paesaggio della Regione Vallaccia di Varallo Sesia

Sabato 23 aprile 2016 alle ore 10.00 a Varallo Sesia, presso il Centro Servizi al Volontariato (Via Mario Tancredi Rossi,1), si svolgerà la “Pubblica presentazione della Richiesta di Dichiarazione di notevole interesse pubblico del paesaggio della Regione Vallaccia di Varallo Sesia (VC)”, ai sensi dell’articolo 136 e successivi del decreto legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004 - Codice dei Beni culturali e del Paesaggio. 

L’intendimento di procedere alla richiesta di dichiarazione di notevole interesse pubblico fa diretto riferimento alle Carte internazionali dell’UNESCO, nelle quali i temi della diversità e ricchezza culturale risultano essere un punto saliente ed imprescindibile di uno sviluppo sostenibile a beneficio delle generazioni presenti e future. 

All’incontro di studio interverranno il Dottor GIAMPIERO GODIO, il Dottor ANGELO PORTA di Legambiente Piemonte e il Professor MARCO DEVECCHI, Presidente dell’Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato e l’Astigiano. 

 

UNESCO Network News

29 APR30 aprile Giornata Internazionale del Jazz

 

Il 30 aprile di ogni anno, dal 2011, si celebra la Giornata Internazionale del Jazz per sottolineare il suo ruolo nell'unire persone da ogni angolo del mondo. Il Jazz è espressione di creatività e diversità, abbatte le barriere e crea opportunità di comprensione reciproca e di tolleranza, è strumento di libertà di espressione, simbolo di unità e di pace, promuove la parità di genere, rafforza il ruolo dei giovani per il cambiamento sociale e promuove il dialogo interculturale.

Qui di seguito la traduzione in italiano, a cura del Centro per l'UNESCO di Torino, del messaggio della Direttrice Generale dell'UNESCO Irina Bokova in occasione della Giornata.

Il Jazz è più che una musica, è un messaggio universale di pace, ritmo armonizzante e contenuto, portatore di valori significativi per ogni donna e ogni uomo, è in grado di fornire opportunità uniche per la comprensione reciproca attraverso l’ascolto, l’esecuzione e l’improvvisazione. Tale spirito ha ispirato musicisti, poeti, pittori e scrittori di tutto il mondo, ricordandoci che la cultura è molto più che intrattenimento – la cultura è una finestra sull’anima, la cultura è la forma che diamo a ciò che più amiamo.

Questo è il motivo per cui l’UNESCO ha istituito la Giornata Internazionale del Jazz.

Il Jazz narra il potere della musica di costruire la pace e avvicinare persone provenienti da ogni cultura e ambiente. La storia del Jazz trae origine da un grande insieme di persone e culture, dall’Africa, dall’Europa e dai Caraibi. Il Jazz ha dato musica al coraggio che ha guidato il movimento dei diritti civili negli Stati Uniti, e continua a fornire l’ispirazione a milioni di persone, in tutto il mondo, alla ricerca di libertà, che lottano per il rispetto e per la dignità umana.

Quest’anno, la Giornata Internazionale del Jazz si celebra a Washington DC, città natale del grande Duke Ellington, e prevede un eccezionale All Star Concert alla Casa Bianca, ospitato dal Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e la First Lady Michelle Obama. Dopo aver viaggiato per il mondo, il Jazz torna a casa. Questo evento dà il via ad una celebrazione che si svolgerà in centinaia di città in tutto il mondo. Ancora una volta, tutto ciò dimostra il potere del Jazz nell’unire il mondo intero.

Per approfondire: http://www.unesco.org/new/en/jazz-day

 

22 APRGiornata Mondiale della Terra 2016

Oggi, 22 Aprile, è la Giornata Mondiale della Terra o Earth Day.

La Giornata fu istituita nel 1970, quando 20 milioni di americani scesero in strada per manifestare contro il disastro ambientale provocato da una fuoriuscita di petrolio che inquinò le acque del Pacifico. A partire da questa data nacque l’Earth Day Network (EDN), associazione che al giorno d’oggi collabora con più di 22 mila partner mondiali, uniti per sensibilizzare le popolazioni verso i problemi ambientali.

Il Tema della Giornata della Terra 2016 è "Trees for the Earth": gli alberi aiutano a combattere il cambiamento climatico, aiutano a respirare aria pulita, gli alberi aiutano a contrastare l’estinzione delle specie.

L'obiettivo che ci si pone è piantare 7,8 miliardi di alberi nei prossimi cinque anni.

Quest'anno la Giornata è inoltre particolarmente importante poichè a New York avverrà la firma ufficiale del Trattato di Parigi sul cambiamento climatico, attraverso il quale oltre 120 paesi si impegneranno a proseguire nell'applicazione di politiche 'sostenibili' per l'abbassamento delle temperature. 

05 APR6 aprile, Giornata Internazionale dello Sport per lo Sviluppo e la Pace

Il 6 aprile si celebra la Giornata Internazionale dello Sport per lo Sviluppo e la Pace.

Qui di seguito il messaggio della Direttrice Generale dell'UNESCO Irina Bokova:

Quale ruolo può svolgere oggi lo sport nel costruire la pace e società inclusive? Questa Giornata Internazionale ci offre l’opportunità di sostenere i valori fondamentali di condivisione, rispetto reciproco e miglioramento personale che incarnano lo spirito dello sport.

Lo sport ci avvicina ai valori positivi e rende possibile la promozione di una cultura del dialogo oltre i confini ­– la storia dello sport ha dimostrato la sua capacità di eliminare i pregiudizi, promuovere e aprire la strada alle mobilitazioni in favore dei diritti e della dignità degli individui, garantendo loro un pubblico globale.

Lo sport è uno forte strumento per l’inclusione sociale, la parità di genere e la responsabilizzazione giovanile, con vantaggi che vanno ben oltre gli spalti. Infatti, i valori ottenuti tramite lo sport – come il fair play e lo spirito di squadra – sono inestimabili per l’intera società.

E’ vitale, dunque, proteggere lo sport come spazio dedito all’educazione e al rispetto, salvaguardarlo dalle frodi e dal doping che danneggiano l’etica sportiva e la salute degli atleti. Sono lieta che gli Stati Membri dell’UNESCO abbiano adottato la Carta Internazionale per l’Educazione Fisica e lo Sport nel novembre 2015.

La versione riveduta della Carta, nello stabilire i principi etici e gli standard di qualità per assicurare a tutti la partecipazione allo sport, sottolinea un importante passo in avanti verso un ambiente sportivo più giusto, inclusivo e tollerante. Inoltre, intende garantire un supporto a tutte quelle donne e uomini nel mondo che si impegnano quotidianamente, come volontari e professionisti, nel promuovere lo spirito dello sport come una risorsa immensa di rinnovamento e vitalità per le società.

 

Irina Bokova

Traduzione a cura del Centro per l'UNESCO di Torino

 

  

31 MARNewsletter del Vice Direttore Generale UNESCO Eric Falt

Il Vice Direttore Generale per le Relazioni Esterne e per l'Informazione al Pubblico dell'UNESCO, Eric Falt, ha inviato alle Organizzazioni non govertive partner ufficiali UNESCO la seguente newsletter, del 23 marzo 2016:

 

"Cari partner,

come a Voi noto, l’UNESCO assicura il monitoraggio della messa in opera della Convenzione e della Raccomandazione concernenti la lotta contro la discriminazione nel campo dell’insegnamento, di cui il 55simo anniversario è stato celebrato nel 2015.

Questi strumenti riflettono la missione costitutiva assegnata all’UNESCO di istituire una collaborazione tra le nazioni al fine di realizzare gradualmente la prospettiva di eguaglianza nelle opportunità educative, senza distinzione di razza, di sesso, di condizioni economiche o sociali (per ulteriori approfondimenti, si rinvia al testo della Convenzione al sito internet http://www.unesco.org/education/pdf/DISCRI_E.PDF ed al testo della Raccomandazione al sito internet http://www.unesco.org/education/nfsunesco/pdf/RECDIS_E.PDF).

La Convenzione e la Raccomandazione costituiscono la pietra miliare dell’Agenda Educativa 2030 e figurano in prima linea negli strumenti normativi dell’UNESCO nel campo dell’educazione.

Mi preme attrarre la Vostra attenzione sul fatto che l’UNESCO è in procinto di lanciare la 9a consultazione sulla messa in atto della Convenzione e della Raccomandazione (nel periodo 2012-2015).

I risultati di questa consultazione saranno presentati alla 39sima sessione della Conferenza Genarle dell’UNESCO nel 2017. Potrete trovare delle informazioni complementari sul seguente sito internet:http://www.unesco.org/new/en/education/themes/leading-the-international-agenda/right-to-education/monitoring/9th-consultation-of-member-states-on-their-implementation/).

Non posso che incoraggiare la vostra Organizzazione ad approcciarsi a questo procedimento contattando le autorità nazionali, proponendo loro di lavorare con Voi, nonché, mobilitare la vostra rete di contatti affinché il processo sia veramente partecipativo, così come richiesto dalla Direttrice Generale dell’UNESCO nella sua lettera inviata ai competenti Ministri incaricati delle relazioni con l’UNESCO (http://unesdoc.unesco.org/images/0024/002436/243614F.pdf).

 Vi segnalo inoltre che nel quadro della preparazione dei report nazionali, gli Stati Membri sono incoraggiati a consultare il Database globale sul diritto all’educazione, lanciato dall’UNESCO nel 2014 (http://www.unesco.org/new/en/education/themes/leading-the-international-agenda/right-to-education/database/) ed, eventualmente, a comunicare all’UNESCO informazioni aggiornate concernenti il loro profilo nazionale". 

 

Traduzione a cura del Centro per l’UNESCO di Torino. 

 

22 MAR22 marzo, World Water Day

Dal 1992, ogni anno, il 22 marzo si celebra la Giornata Internazionale dell'Acqua, per sensibilizzare sull'importanza dell'accesso di tutti all'acqua potabile e alla risorse idriche.

Il tema di quest'anno è "Acqua e posti di lavoro": tre posti di lavoro su quattro sono dipendenti dalle risorse idriche. La creazione e il mantenimento di occupazione nell'attuale contesto caratterizzato dal cambiamento climatico e dalla scarsità d'acqua richiede ingenti investimenti nel campo della scienza, della tecnologia e dell'innovazione. Oggi a Ginevra, sarà presentato il Rapporto Mondiale ONU 2016 sull'Acqua.

Nel suo messaggio, la Direttrice Generale dell'UNESCO, Irina Bokova, sottolinea che l'acqua è fondamentale per la vita e per uno sviluppo più inclusivo e sostenibile. Per questo motivo, l'acqua è al centro della nuova Agenda di Sviluppo 2030, evidenziata nell'obiettivo 6 che chiede la disponibilità e la gestione sostenibile di questa risosrsa per tutti. L'acqua è vitale nell'agricoltura, nell'industria, nei trasporti e nella produzione di energia; è motore della crescita economica.

CLICCA QUI per leggere il messaggio integrale.

Ricerca nell'Archivio Tesi di Laurea









Cerca

Novità

ESITI Concorso Nazionale FICLU sui Diritti Umani - edizione 2016

Esiti del Concorso Nazionale FICLU sui Diritti Umani, edizione 2016, “Il mondo non è tuo, ma di quelli che vengono dopo di te. Il mondo quindi non è di nessuno essendo di tutti”.
La giuria nazionale preposta alla selezione degli elaborati pervenuti ha deliberato quanto segue:

 

“risultano vincitori:

- per la Scuola Primaria: Simone Dicchello, Istituto Comprensivo “Santa Chiara” di Brindisi;

- per la Scuola Secondaria di I grado: ex aequo Emma Chiogna, classe I Istituto Comprensivo “Giacomo Bresadola” di Trento e Sara Elezi, Scuola Secondaria di I grado “Leonardo Da Vinci”, Istituto Comprensivo A. Manzi di Cordenons (PN);

- per la Scuola Secondaria di II grado: Giada Cacciapaglia, Classe I A – IISS “Leonardo Da Vinci” di Cassano delle Murge (BA).

Una Menzione d’onore è stata assegnata a Francesca Pellegrino, Classe IV B, Liceo Scientifico e Classico Statale “Peano – Pellico” di Cuneo."

Ai vincitori e ad un loro accompagnatore è stato assegnato il soggiorno premio dal 25 al 27 maggio 2016 presso la città di Lucera (FG), grazie al contributo del Club per l’UNESCO di Lucera.

La cerimonia di premiazione si è tenuta presso il Teatro Comunale “Garibaldi” di Lucera il giorno 26 maggio  durante il Convegno Nazionale FICLU sui Diritti Umani, dal titolo “I nostri diritti, le nostre libertà, sono naturali e inalienabili, ora e sempre”.

La Presidente Maria Paola Azzario è intervenuta sul tema "La pratica dei Diritti Umani nelle scelte della Federazione Italiana dei Club e Centri per l'UNESCO".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nelle fotografie premiati, esperti ed organizzatori al termine di una magnifica giornata FICLU all'insegna dei Diritti Umani e della scoperta delle bellezze di Lucera. Un sentito ringraziamento a tutti per la partecipazione e la passione comune.

CLICCA QUI per scaricare il Programma del Convegno del 26 maggio a Lucera.

 

LA VOCE AI GIOVANI

6 GIUGNO 2016

 

Il Centro per l’UNESCO di Torino vi invita al secondo appuntamento dell'edizione 2016 de “La voce ai giovani”, presentazione di tesi di laurea su Torino ed il Piemonte. 

L'incontro sarà dedicato al Sito di Importanza Comunitaria di Capo Mortola (Ventimiglia), e si terrà lunedì 6 giugno alle ore 11.00 al Castello del Valentino (Sala Vigliano - Viale Mattioli 39, Torino) 

Il neo laureato Francesco Blardoni illustrerà la sua analisi  floristico-vegetazionale condotta in 28 stazioni, dislocate lungo il sentiero che percorre la costa di Capo Mortola seguendo il confine dei Giardini Botanici Hanbury, e mostrerà suggerimenti e proposte di azioni per la valorizzazione e tutela del Sito. 

 

Interverranno la relatrice della tesi Prof.ssa Consolata Siniscalco, i correlatori Prof. Marco Devecchi e Prof. Mauro Mariotti e la Prof.ssa Maria Paola Azzario, Presidente del Centro per l’UNESCO di Torino. 

L'evento è aperto al pubblico e gratuito

VI ASPETTIAMO! 

 

Global Women Leaders' Forum

18-20 maggio 2016, Sofia, Bulgaria

Ha inizio oggi a Sofia (Bulgaria) il Global Women Leaders' Forum, organizzato dal Council of Women in Business della Bulgaria e dall'UNESCO, con il Patrocinio della Direttrice Generale dell'UNESCO, Irina Bokova.

 

Il Forum riunisce donne scienziato di fama mondiale, rappresentanti di ONG, imprenditrici e giornaliste che interverranno sul tema "Ispirare le future generazioni di donne leader".

Durante il Forum sarà esaminata l'attuale situazione di emancipazione femminile e parità di genere e saranno valutate modalità di supporto e di miglioramento del ruolo delle donne nella società.

Obiettivo di questi 3 giorni di confronto è mettere in evidenza esempi da seguire e modelli che siano di ispirazione per le future generazioni di donne leader.


 

Maria Paola Azzario, Presidente del Centro per l'UNESCO di Torino e della Federazione Italiana dei Club e Centri per l'UNESCO (FICLU), è stata invitata dalla Direttrice Generale dell'UNESCO, Irina Bokova, per portare la propria testimonianza all'interno del Panel "Le attuali tendenze nei campi della Scienza, della Tecnologia e dell'Innovazione: quale ruolo per le donne e per le donne leader?".

 

 

 

Gli altri Panel previsti sono i seguenti:

- Le donne nella politica e al governo;

- Le donne e il business: la situazione attuale e i futuri sviluppi;

- Educazione e Formazione per le future donne leader;

- Donne, pace, sicurezza e sviluppo: la leadership femminile nella costruzione della Pace;

- Donne, le tecnologie dell'informazione e della comunicazione e i media.

 

Al termine del Forum è stata presentata ed adottata la Dichiarazione di Sofia, che riepiloga i progressi fatti verso la parità di genere a partire dall’adozione della Dichiarazione di Pechino del 1995 e riafferma l’impegno comune nel promuovere l’empowerment di ragazze e donne in tutto il mondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Concorsi Nazionali FICLU La Fabbrica nel Paesaggio e Giovani Scultori a Carrara

Si segnalano due Concorsi Nazionali banditi dalla Federazione Italiana dei Club e Centri per l'UNESCO (FICLU):

"La Fabbrica nel Paesaggio", VII edizione, 2016, ideato e promosso dal

Club per l'UNESCO di Foligno e Valle del Clitunno

II Concorso è rivolto a imprenditori, amministrazioni e istituzioni che hanno attivato iniziative e progetti dimostrando una particolare sensibilità nei confronti del Paesaggio. Le candidature, complete della documentazione prevista, dovranno essere inoltrate alla Segreteria del Premio entro e non oltre il 30 giugno 2016.

Bando di Concorso e Allegato A.

 

 

 

 

"Laboratorio di giovani scultori a Carrara. Le voci dell'arte: pace, fratellanza, solidarietà", edizione 2016, progetto elaborato dal Club per l’UNESCO “Carrara dei Marmi”, in collaborazione con la Galleria Duomo di Carrara.

Il progetto nasce con l'obiettivo di dare un contributo concreto alla costruzione di un linguaggio universale dell'arte per l'educazione alla cultura della pace e di offrire l’opportunità a giovani scultori un periodo di studio ed un’esperienza autentica per esprimere la propria creatività in una competizione nazionale che vuol diffondere i valori ed i principi UNESCO.
L'offerta é rivolta a giovani scultori e studenti delle Accademie di tutta Italia. I cinque finalisti, selezionati da un'apposita giuria, effettueranno un periodo di stage, della durata di un mese, presso il Laboratorio di Scultura e Design SGF di Torano - Carrara, dove potranno sviluppare ed affinare le loro capacità scultoree. Le 5 sculture realizzate saranno esposte presso la Galleria Duomo di Carrara.
 

Il termine per la presentazione della propria candidatura è fissato per le ore 12.00 del 30 maggio 2016.

Bando di Concorso.

 

COME IMMAGINARE UN FUTURO DI INTEGRAZIONE E PACE

Il Centro per l'UNESCO al Salone del Libro

Giovedì 12 maggio dalle 14 alle 15, presso la Sala Argento del Salone del Libro di Torino, il Centro per l'UNESCO di Torino organizza l'incontro

COME IMMAGINARE UN FUTURO DI INTEGRAZIONE E PACE

Interverrà la Prof.ssa Maria Paola Azzario, Presidente della Federazione Italiana dei Club e Centri per l'UNESCO (FICLU) e del Centro per l'UNESCO di Torino. 

Dopo una breve introduzione sull'UNESCO e sul Decennio Internazionale per l'Avvicinamento delle Culture (2013-2022) saranno illustrati i principali programmi ed attività della FICLU in occasione del Decennio, tra cui la diffusione e l'uso della "Guida al Patrimonio UNESCO dell'Umanità di Italia e Cina"

Saranno inoltre presentati i 4 Concorsi nazionali, ognuno su un tema specifico, banditi dalla FICLU per il 2016. 

 

Il Centro per l'UNESCO sarà inoltre presente al Salone per presentare le sue più recenti attività e pubblicazioni presso lo Stand J160, Padiglione 2. VI ASPETTIAMO!!!


 

Giornata Conclusiva Percorso Formativo 2015 2016

Lunedì 9 maggio 2016, Campus ONU di Torino, Padiglione Piemonte

Lunedì 9 maggio 2016, presso il Campus ONU di Torino, Padiglione Piemonte, dalle ore 9.00 alle ore 17.00, si è svolta la Giornata Conclusiva del Percorso Formativo 2015/2016 “Luce, sorgente di vita: arte, letteratura e scienza”, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado della Regione Piemonte, al quale hanno aderito 1000 studenti ed insegnanti. 

Il Percorso Formativo si inserisce nelle celebrazioni per l’Anno Internazionale della Luce – International Year of Light (IYL), ed è realizzato con la collaborazione dell’Assessorato all’Istruzione della Regione Piemonte e dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte.


Lunedì 9 maggio, 46 classi di 22 scuole hanno presentato ai loro coetanei i lavori realizzati sui temi luce e arte, luce e letteratura, luce e scienza.

Una Mostra dei lavori degli studenti, viaggio alla scoperta di vere e proprie “creazioni luminose” come lampade realizzate con materiale riciclabile, proiezioni di ologrammi, spettroscopi,favole, poster, quadri, fotografie e molto altro, ha fatto da cornice alla manifestazione.

Sono intervenuti: Piero Fassino, Sindaco di Torino; Laura Ferraris, Vice Prefetto della Città di Torino; Giovanna Pentenero, Assessore all’Istruzione della Regione Piemonte e Mariagrazia Pellerino, Assessore all’Istruzione della Città di Torino, Valerio Airaudo, Assessore alla Cultura della Città di Barge e i rappresentanti delle Agenzie ONU di Torino: Centro di Formazione dell’ Organizzazione Internazionale del Lavoro (ITC/ILO) e Istituto Interregionale delle Nazioni Unite per la Ricerca sul Crimine e la Giustizia (UNICRI).

Maria Paola Azzario, Presidente della Federazione Italiana dei Club e Centri per l’UNESCO e del Centro per l’UNESCO di Torino ha coordinato i lavori. 

Gli esperti Dianella Savoia, docente di Microbiologia dell’Università di Torino, Piero Galeotti, docente di Fisica Sperimentale dell’Università di Torino, Fabio Pezzetti, Bibliomediateca Mario Gromo-Museo Nazionale del Cinema, hanno valutato e commentato i lavori degli studenti. 

 

CLICCA QUI per scaricare il Depliant con il Programma della Giornata.

 

Comunicato stampa.

 

LA VOCE AI GIOVANI

Lunedì 2 maggio, al Castello del Valentino, il Centro per l’UNESCO di Torino ha dato avvio all’edizione 2016 de  “La voce ai giovani”, con la presentazione della tesi di laurea: "Le porte del Barbera d'Asti: un paesaggio protetto dall'UNESCO” a cura dell’Arch. Elisa Turello.

 

L’incontro ci ha portati alla scoperta del Sito “I Paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato” dichiarati Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 2014, ed in particolare del territorio dove si produce il famoso Barbera d’Asti. 

 

Sono stati descritti in modo puntuale e dettagliato il percorso,le motivazioni ed i criteri che hanno portato al riconoscimento del Sito Patrimonio dell’Umanità, quali sono stati gli enti a lavorare per tale riconoscimento e quali le reazioni della cittadinanza e degli enti turistici del territorio. Infine, l’Arch Turello ha proposto una valorizzazione del paesaggio del Comune di Montegrosso d’Asti, attraverso una

riqualificazione territoriale.

Sono intervenuti, il Sindaco di Montegrosso d’Asti,Marco Curto, il relatore della tesi Prof. Marco Devecchi e la prof.ssa Maria Paola Azzario, Presidente del Centro per l’UNESCO di Torino.

Vi aspettiamo numerosi al prossimo incontro:il 6 giugno alle ore 11:00, per la presentazione della tesi del dottor Francesco Blardoni, sulla valorizzazione del Sito di Importanza Comunitaria di Capo Mortola (Ventimiglia).

Tutti gli incontri sono aperti al pubblico e gratuiti.

Vedi il dépliant